Il mercante di Istanbul comanda una pila di validi aiutanti

È Natale! Andiamo a fare compere al Bazar di Istanbul

Natale è alle porte e la corsa ai regali si fa più frenetica! Ma per chi è in crisi di ispirazione, la soluzione c’è: si può fare un bel giretto al bazar di Istanbul.

Il tavoliere componibile di Istanbul
Il tavoliere di Istanbul si compone a ogni partita secondo modalità diverse: per principianti, per esperti o casuale. Questo garantisce una notevole longevità al gioco

Dite che è un po’ fuori mano? Anche per questo niente paura. Ci si può arrangiare con una bella partita a Istanbul di quel geniaccio di Rudiger Dorn, già autore di Goa e di altri bellissimi giochi.

Il mercante di Istanbul comanda una pila di validi aiutanti
Il mercante di Istanbul comanda una pila di validi aiutanti. Attenzione, però! Se si rimane senza stagisti (ehm, aiutanti), non si possono eseguire le azioni collegate alle varie locazioni e l’unica alternativa è tornare alla Fontana per richiamare i propri collaboratori

Ho acquistato Istanbul in occasione della PLAY di Modena, quando il titolo è stato presentato in anteprima allo stand di Asterion Press. Uno degli acquisti migliori che ho fatto. Niente da dire, si tratta di un gran bel gioco di collezione oggetti e piazzamento lavoratori con un sapiente mix tra capacità strategica ed elementi casuali (le carte bonus, il posizionamento erratico del Governatore e del Contrabbandiere).

La plancia personale di Istanbul
Durante una partita a Istanbul si può ingrandire il proprio banchetto da ambulante per tenere quantità via via maggiori di merci

Per chi volesse approfondire il regolamento di Istanbul può dare un’occhiata all’anteprima che scrissi per Gioconomicon nel maggio scorso. E presto sarà pubblicata anche una più completa recensione con le mie impressioni dopo parecchie partite all’attivo.

I rubini di Istanbul
I rubini di Istanbul. Raccogliere 5 rubini (o 6 quando si gioca in due) determina la vittoria

E che Istanbul sia davvero un bel gioco non lo dico solo io. Quest’anno ha vinto il Kennerspiel des Jahres, ossia l’oscar dei boardgame per la categoria “esperti”. Mentre Camel Up (vincitore della categoria principale) è, a mio parere, una mezza delusione; i giurati non hanno sbagliato con Istanbul, che ha sbaragliato una concorrenza davvero temibile: Concordia di Mac Gerdts (altro gioiello ludico) e Rococò del trio Cramer/Malz/Malz.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...